Internet 2016: statistiche, fatti e curiosità

Riportiamo un elenco di curiosità e statistiche su Internet rilevate recentemente e pubblicate in: Internet stats & facts for 2016, un autorevole sito votato all’analisi del mondo del Web.

Ci colpiscono in particolare: la travolgente crescita dell’utilizzo di dispositivi mobili quali smartphone e tablet, l’incremento dell’uso delle vendite e-commerce, il numero di robot che girano per la rete (siano essi “buoni” o “cattivi”), la consacrazione di WordPress come piattaforma per la realizzazione di siti Web, l’importanza della velocità di caricamento delle pagine di un sito web, il numero di attacchi giornalieri da parte degli hacker.

Ecco la lista selezionata dall’articolo originale e tradotta in italiano:

  1. A dicembre 2015, ci sono 3,26 miliardi di utenti Internet; è oltre il 40% della popolazione mondiale.
  2. La Cina, come paese, ha il maggior numero di utenti di Internet; con una stima di 640 milioni Il numero di utenti di Internet in Cina è il doppio del numero di tutta la popolazione degli USA.
  3. Ci sono attualmente 123,78 milioni di nomi di dominio .com registrati, che risulta quindi l’estensione del nome di dominio più utilizzata al mondo.
  4. I domini .com sono il 50% di tutti i TLD registrati.
  5. Il nome di dominio più costoso mai venduto è Insurance.com, per l’ammontare di 35,6 milioni di dollari nel 2010.
  6. Ci sono attualmente 966 milioni di siti web in tutto il mondo.
  7. Il primo sito web al mondo è stato pubblicato il 6 agosto 1991 dal fisico britannico Tim Berners-Lee.
  8. Solo il 44% del traffico web proviene da esseri umani; un massiccio 56% del traffico web proviene da bot, strumenti di hacking, e spammer.
  9. 39% dei server web sono ospitati su Apache.
  10. Google è il # 1 sito più importante al mondo, seguito da Facebook e YouTube.
  11. Google utilizza la velocità del sito come un fattore di ranking.
  12. Il più popolare CMS è WordPress, alimentando il 25,4% di tutti i siti web in tutto il mondo e responsabile di oltre 76,5 milioni di blog.
  13. Si stima che circa 37.000 siti web vengono colpiti da hacker ogni giorno.
  14. Il 40% degli utenti Internet a livello mondiale, o più di 1 milione di persone, hanno acquistato prodotti online.
  15. Un solo secondo di ritardo nel tempo di caricamento di un sito web può comportare una perdita del 7% nella conversione, e il 40% degli utenti web abbandonerà un sito web se ci vogliono più di 3 secondi per caricarlo.
  16. 80% dei consumatori acquisteranno online se è compreso il trasporto gratuito.
  17. Sebbene l’uso di Internet mobile sia elevato, si stima che 8,52% degli utenti desktop utilizzano il carrello della spesa e si stima che 2,78% convertono in acquisto. Un valore decisamente più elevato rispetto ai 4,70% di utenti smartphone che utilizzano il carrello di spesa con un tasso stimato di 0,80% di conversione in acquisto. Appare quindi che gli utenti desktop sono ancora la maggioranza quando si tratta di vendite effettive.
  18. Il 40% degli acquirenti, prima di effettuare un acquisto online, consultano 3 o più canali; un aumento del 10% nel 2002.
  19. Un aumento della velocità di caricamento del sito da 8 a 2 secondi può aumentare il tasso di conversione del 74%.
  20. Nel 2010, una pagina che ha impiegava 6 secondi per caricarsi subiva una perdita del 40% nella conversione. Oggi, una pagina che richiede 6 secondi per caricarsi accusa una perdita del 50% nella conversione.
  21. Con i dispositivi mobili, il tasso di abbandono del carrello della spesa è più elevata (97%) rispetto a quella dei desktop (al 70 – 75%).
  22. le vendite di e-commerce da social media sono cresciute del 202% nel 2014, e si prevede che aumentaranno ulteriormente.
  23. Ci sono più utenti di internet da dispositivi mobile che utenti desktop; 52,7% degli utenti Internet a livello mondiale accede a Internet tramite cellulare.
  24. I 4 consumatori su 5 utilizzano uno smartphone per fare acquisti.
  25. 50% degli utenti di telefonia mobile abbandonerà una pagina web se ci vuole più di 10 secondi per caricarla, e il 60% non tornerà al sito.

Conclusioni:

Il marketing online è sicuramente un servizio in espansione, soprattutto con l’utilizzo integrato dei social media. C’è da prestare la massima attenzione all’adeguamento dei siti e-commerce ad una corretta visualizzazione sui dispositivi mobili. La velocità di caricamento delle pagine acquisisce un ruolo dominante non solo per trattenere gli utenti, ma anche per non essere penalizzati nel SEO. WordPress come piattaforma CMS è la scelta giusta e bisogna rivolgersi a professionisti qualificati per realizzare siti web che non cadano vittime dell’incredibile numero di attacchi hacker giornalieri.